A Verissimo Enzo Iacchetti racconta la malattia del figlio Martino

A Verssimo Enzo Iacchetti è stato ospitato in compagnia del figlio Martino, per il quale ha speso commoventi parole di affetto. Il conduttore tv, che lunedì prossimo tornerà a Striscia la Notizia, ha raccontato della terribile malattia, che ha colpito Martino quando era ancora adolescente. A Verissimo Enzo Iacchetti ha mantenuto il riserbo sulla malattia del figlio, che “è diventato molto presto grande, con i suoi compagni non poteva neanche bersi una birra e fare un tuffo in acqua. Ha passato degli anni difficilissimi ed è stato molto bravo, rideva sempre“.

verissimo-enzo-iacchetti

Iacchetti, con molta umiltà, ha raccontato dei terribili momenti vissuti insieme al figlio quando si è ammalato: “E’ venuta voglia di raccontarlo. E’ una cosa che non dimentichiamo. Mio figlio è stato fortunato a posteriori, ma ha passato un’adolescenza bruttissima, perché dai 16 ai 22 anni ha girato tutti i medici del mondo. Poi abbiamo trovato il grande che ha risolto il suo problema. Ti rendi conto, da persona della televisione, che sei più fortunato del poveraccio che vive nella baraccopoli dopo un terremoto, per esempio“.

A Verissimo Enzo Iacchetti ha speso parole tenerissime per il figlio Martino, apostrofandolo come l’uomo più buono e razionale che abbia mai conosciuto, un esempio per la società attuale. Il rapporto che li unisce è un rapporto speciale, che parte quando Martino era ancora in fasce: Iacchetti, al tempo, non lavorava, quindi ha fatto il mammo per un po’ di tempo. Quando ha iniziato con le serate, il tempo libero lo trascorreva sempre con il figlio. E forse è stata proprio questa dedizione a definire in maniera così speciale il rapporto tra loro.

Anche Martino, a sua volta, ha speso parole tenerissime per il padre, definendolo un “comico” di mestiere, ma rivelando la sua vera personalità, che tende molto alla malinconia. L’ospitata di Iacchetti e del figlio Martino è stata un momento molto tenero, che ha commosso anche il pubblico a casa e che, per fortuna, ha avuto un lietissimo fine.